Aaron Craft ha giocato l’ultima partita della sua carriera: ora farà il medico

Aaron Craft dice addio al mondo del basket, a soli 29 anni. Lo fa per seguire la sua vocazione, il suo sogno: diventare medico ed aiutare gli altri, la società in cui vive quotidianamente. Un addio “insolito”, ma accettato con grande maturità dal popolo dell’Aquila Basket Trento e da tutti gli appassionati della palla a spicchi, che perdono uno dei campioni della Serie A1 italiana.

Craft vanta già una laurea in scienze dell’alimentazione e presto frequenterà la facoltà di medicina della Ohio State University, l’università più grande degli Stati Uniti.

“Il mio obiettivo – disse Aaron alcune settimane fa – è aiutare gli altri e servire al meglio la società in cui vivo. Ci sono diversi modi per farlo, certamente, ma il percorso di medicina è quello che più mi si addice e può offrirmi l’opportunità di vivere un’esistenza che non sia solo concentrata su me stesso. Quello che faccio non è per ricevere, ma per condividere l’amore che ho ricevuto, per restituirlo aiutando le altre persone”.

In bocca al lupo Aaron, grazie!

(Foro: Aquila Basket Trento)

Leggi anche:

Coronavirus, il messaggio di Aaron Craft ai tifosi dell’Aquila Basket Trento (Video)