De’ Longhi Treviso-Aquila Basket Trento 84-80: Risultato Finale, Tabellino e Sintesi

TREVISO – Si apre con una sconfitta in volata la settima avventura della Dolomiti Energia Trentino in Serie A UnipolSai: i bianconeri dopo essere stati sotto anche di 17 lunghezze contro la De’ Longhi Treviso nel corso del primo tempo confezionano una grande rimonta di qualità e carattere nei secondi 20’, ma nel finale punto a punto cedono all’esperienza dei padroni di casa che la spuntano 84-80.

Protagonisti assoluti della serata JaCorey Williams (21 punti, sei rimbalzi e 8/13 al tiro) e Gary Browne, trascinatore nella grande rimonta dei suoi (19 punti, sette rimbalzi, tre assist): gran doppia-doppia per Kelvin Martin, che chiude il match con 12 punti, 10 rimbalzi e 5 assist.

LA CRONACA

Coach Nicola Brienza oltre all’assenza di Luke Maye deve fare i conti anche con quella di Jeremy Morgan, fermato proprio a poche ore dalla palla a due da un lieve trauma distorsivo in iperestensione al ginocchio destro. L’esterno dell’Iowa sarà rivalutato tra una settimana. Nello starting five bianconero torna capitan Forray, assieme ai “soliti”
Browne, Martin, Pascolo e Williams.

L’avvio di match è equilibrato e spezzettato dai tanti fischi arbitrali chemettono subito nei guai Mekowulu e Williams (due falli a testa): Trento a metà parziale è avanti 9-10 anche grazie a cinque punti rapidi di Forray, poi però sale in cattedra Carroll che arriva a quota 10 personali trascinando i suoi al 25-18 con cui si chiudono i primi 10’ di gioco.

Trento nei suoi momenti di massima difficoltà si affida all’energia e al talento di uno strepitoso Williams, che a metà partita mette a referto la metà esatta dei punti complessivi dei bianconeri (19 sui 38 della Dolomiti Energia). Il problema è che anche quando Browne scalda la mano con un paio di grandi canestri, la difesa degli ospiti continua a non trovare soluzioni alle iniziative di Logan e compagni: all’intervallo lungo Treviso conduce 52-38.

La Dolomiti Energia però è dura a morire, anche quest’anno: i bianconeri si presentano in campo al rientro dagli spogliatoi con un’altra faccia e un altro spirito, che si concretizzano in un confortante parziale a proprio favore grazie ai canestri a ripetizione di Browne e Sanders. Una tripla in step back dell’esterno USA firma addirittura il sorpasso, ma Treviso chiude il quarto avanti di quattro (64-60).

Trento deve fare i conti con i quattro falli di Williams, ma trova nelle lunghe leve del meranese classe 2001 Max Ladurner il riferimento offensivo per scappare al massimo vantaggio di serata cavalcando uno 0-11 di parziale. Le rotazioni corte e i canestri di talento di Logan, Imbrò e Russell però alla fine fanno pendere la bilancia dalla parte dei padroni di casa, per la gioia dei 700 spettatori del PalaVerde.

L’analisi di coach Brienza: “È stata una partita al cui interno ne abbiamo viste almeno tre: la prima nel primo tempo, in cui non abbiamo interpretato bene quello che avremmo dovuto fare. Tiri poco costruiti, 52 punti concessi. Nel secondo tempo, e in particolare nel terzo quarto, anche grazie a qualche soluzione individuale abbiamo invertito un po’ l’inerzia in attacco e siamo riusciti, di squadra, a lavorare molto meglio in difesa. Poi la terza “partita nella partita” è stata nel finale, quando eravamo sopra di cinque ma ci è mancata un po’ di freddezza e di lucidità nel gestire meglio alcuni palloni. C’è rammarico per la sconfitta, ci sono cose positive da cui ripartire e ovviamente aspetti negativi su cui lavorare: da qui ripartiamo in vista dei prossimi numerosi impegni ravvicinati”.

LA PROSSIMA

I bianconeri apriranno la regular season di 7DAYS EuroCup con la prima giornata di del gruppo C in programma martedì 29 settembre in Turchia, ospiti del Frutti Extra Bursaspor. Su aquilabasket.it sono disponibili tutte le info sull’acquisto dei biglietti per i match casalinghi di sabato 3 ottobre (Reggio Emilia) e di martedì 6 ottobre (Promitheas Patrasso).

(Fonte: Aquila Basket Trento)

Leggi anche:

De’ Longhi Treviso-Aquila Basket Trento: la conferenza stampa di Brienza pre partita